Difficoltà tecnica o Come faccio a capire se l’escursione fa per me

I dati che trovi sempre indicati per ogni escursione sono: li dislivello, la lunghezza, il livello di difficoltà, profilo itinerario.

Il livello di difficoltà del percorso. Per ovvie ragioni non è un dato né preciso né oggettivo. Tutti abbiamo diversa forma fisica e abitudini. Se non hai mai camminato a lungo in un ambiente naturale, anche un’escursione segnata come “facile” può presentare qualche difficoltà.

Tra le proposte di Bontrek troverai escursioni di vari livelli di difficoltà nel seguente range:

-         dal facile adatto anche ai principianti,

-         al medio per chi ha abitudine a camminare e si sente pronto/a a uno sforzo fisico per scoprire posti nuovi,

-         più raramente l’impegnativo, dove è richiesta una certa esperienza e allenamento.

Per il dislivello si intende l’ascesa sommaria in metri che faremo durante il nostro percorso.

Il dislivello non è da confondere con la quota massima o con la pendenza. Infatti, anche nell'ambiente montano di alta quota esistono percorsi con poco dislivello, mentre un parco urbano può offrire delle salite e discese con una notevole pendenza. Essendo un dato variabile durante il percorso la pendenza sarebbe difficile da indicare, però in particolari casi viene menzionata.

La lunghezza del percorso è un altro dato numerico sempre presente inteso come la lunghezza totale in chilometri di tutto il percorso dalla partenza al ritorno. Questo dato insieme al dislivello ti può aiutare a fare un’idea della media pendenza durante il percorso.

Il profilo dell’itinerario può essere ad anello oppure una traversata. Il percorso ad anello – che è la situazione più comune – significa semplicemente che alla fine dell’escursione si ritorna al punto della partenza (A - A). Anche se al ritorno in gran parte si ripete la via dell’andata, il percorso viene considerato ad anello. Invece la traversata significa che si parte a piedi da un punto e si arriva alla fine dell’escursione a un altro punto (A – B). Nei casi delle traversate si organizza diversamente con i trasporti per il rientro e ciò viene appositamente specificato.

Ma non finisce qua. Ricordati che il livello di difficoltà dipende anche dal tipo di terreno che si attraversa, presenza di tratti scoperti, di guadi, di vegetazione e da molti altri aspetti. 

È il tuo primo trekking? Scegli un percorso facile con il dislivello fino a 350 m e la lunghezza tra 8 e 10 km. Comunque, ricordati che nelle escursioni di gruppo i più veloci debbano aspettare i meno veloci, ma i più lenti debbano fare uno sforzo per stare dietro il gruppo. Quindi ti invito a valutare bene le difficoltà dell’escursione che scegli. Nel dubbio contatta la Guida per ulteriori informazioni.

P.S. Considera che tutto il suddetto discorso vale per le persone adulti e ragazzi partendo da 12-14 anni abituati a camminare. Ciò che riguarda bambini è un altro discorso, affrontato qui