Sopralluogo in foto: Colli Albani

Per me i sopralluoghi si distinguono grossolanamente in due categorie. Nel primo caso vado in posto che già conosco (ma dove non vado da un po') per verificare le condizioni del terreno e per ripassare il percorso. Nel secondo caso vado ad esplorare un posto per me nuovo, oppure una nuova parte di un territorio che conosco in parte.
Qui vi racconto tramite fotografie soprattutto il mio sopralluogo nei primi di febbraio che è stato una sorta di 2-in-1.

Domenica 14 febbraio vi aspetto  all'escursione nei Misteriosi boschi dei Colli Albani.

Sono partita da Rocca di Papa, una piccola cittadina posta sul pendio del monte Cavo, che si trova nel territorio del Parco dei Castelli Romani.
Salendo per le viuzze del vecchio borgo mi piace ripassare quegli angoli caratteristici con i dipinti realizzati da artisti locali. (Qui qualche info)

20210204_085112jpg

20210204_085443jpg

20210204_085130jpg

Dopo una mezz'ora di camminata sulla strada sterrata al di sotto delle montagne Cavo e Maschio delle Faete piego a destra e mi addentro nel bosco.

20210204_102223jpg

20210204_102751jpg

20210204_103216jpg

La vegetazione più diffusa nel territorio dei Castelli è il castagneto, rappresentato prevalentemente da boschi cedui monospecifici di castagno (Castanea sativa), periodicamente soggetti a taglio.

20210204_105252jpg

20210204_110115jpg

Già nel mese di febbraio iniziano a sbucare dalla terra i primi fiori. Ho scritto dello zafferano in post precedente.

20210204_110920jpg

20210204_111448jpg

Ed ecco, cosa mi interessava di trovare questa volta: due tombe rupestri dette Le Grotticelle. 
Per arrivarci bisogna fare una breve deviazione dal sentiero sterrato e, passando una rovina dell'ex-casetta forestale addentrarsi nel bosco.

20210204_112310jpg

I due sepolcri monumentali sono stati scoperti nel 1983 e datate alla media Età del Bronzo (la prima metà del II millennio a. C.).

20210204_112730jpg

20210204_112944jpg

Proseguo per i sentieri respirando l'aria ormai primaverile, accompagnata dal canto degli uccellini. 

20210204_120703jpg

20210204_122350jpg

20210204_124554jpg

Dopo una tranquillissima salita arrivo al famoso terrazzino panoramico, mai vuoto. Qui mi fermo per qualche foto e un breve pranzetto. La veduta dei due Laghi è sempre bella e impressionante.

20210204_125139jpg

20210204_125059jpg

Da qui ormai si scende camminando sul basolato della Via Sacra. Questa antica via romana collega la via Appia (all'altezza di Ariccia) con la cima del monte Cavo dove ancora prima della nascita di Roma si trovava il tempio di Giove Laziale.

20210204_131700jpg

20210204_131819jpg

20210204_132020jpg

20210204_132058jpg

Visto che ho ancora tempo, decidi di proseguire la discesa per la Via Sacra per arrivare ad Albano Laziale. Il basolato in gran parte è in ottimo stato di conservazione, ma il primo tratto in discesa è rovinato. Comunque ci sono dei sentieri laterali.

20210204_132314jpg

20210204_133716jpg

20210204_134901jpg

20210204_135353jpg

Decido di accorciare un po' il percorso per poter prendere il pullman da Albano, perciò a un certo punto abbandono la Via Sacra e mi avvio per i sentieri che dovrebbero portarmi ad attraversare la via Dei Laghi. Qui trovo un ristorantino ma non trovo un attraversamento pedonale. Comunque, dopo aver attraversato la strada, di nuovo addentro nel bosco. Il sentiero è 511, ben tracciato e pulito, passa sotto la strada.

20210204_140439jpg

20210204_140936jpg

20210204_143335jpg

20210204_143550jpg

Proseguo e arrivo ai pendii del cratere che ospita il lago Albano.

20210204_144310jpg

20210204_144636jpg

20210204_144909jpg

Qui si entra sul sentiero cosiddetto "dei Cappuccini" che in parte da anni è interdetto per causa di una serie di frane. Se fosse percorribile si potrebbe arrivare al convento Santa Maria ad Nives di Palazzolo.

20210204_145220jpg

Comunque, senza addentrare sul sentiero, segnato come pericoloso per i crolli, mi avvicino alle abitazioni rupestri, troppo affascinanti.

20210204_145340jpg

20210204_145544jpg

Lascio in pace il tratto pericoloso e proseguo lungo la parte meridionale del periplo. Qui sono stata tantissimo tempo fa, perciò, è come se fosse la prima volta.

20210204_145756jpg

20210204_150249jpg

Resti dell'antico acquedotto.

20210204_152146jpg

20210204_152221jpg

Il sentiero sopra il lago offre bellissime vedute: Castel Gandolfo da un lato, monte Cavo dall'altro.

20210204_153616jpg

20210204_153903jpg

Arrivo ad Albano passando vicino ai resti dell'Anfiteatro. Ormai è pomeriggio e devo tornare a Roma - il sopralluogo è solo un punto dell'elenco di cose programmate per la giornata.
Ovviamente ci ritornerò ancora.

20210204_154745jpg

Colli Albani,
4 febbraio 2021